(IAMM) Chirurgia estetica: 70% interventi correggono disastri altrui, anche per colpa di internet (IAMM) Una chirurgia ben fatta non si deve quasi vedere, deve essere elegante e mai volgare. Questo è il consiglio di Carlo Alberto Pallaoro, specialista in Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica. Sono tante le donne che scelgono di sottoporsi ad interventi di chirurgia estetica, per i più disparati motivi, per correggere un difetto del proprio corpo, per vedersi più affascinanti, per eliminare qualche segno del tempo che passa.
Ma quante di queste donne non ottengono il risultato sperato e in termini di estetica che in termini di salute? Sono tante infatti le donne che devono ricorrere dal chirurgo per correre letteralmente ai ripari e correggere un disastro creato da un mera chirurgo o falso specializzato in materia. Queste operazioni ‘casalinghe’ (ossia che vengono svolte in appartamenti e non in strutture sanitarie) si stanno diffondendo a macchia d’olio e l’alleato principale di questi signori è internet, fonte privilegiata di informazione per le donne con un livello culturale medio-basso desiderose di apparire più belle, ma di spendere il meno possibile”.

Un dato abbastanza allarmante non credete? Ogni intervento, dalla semplice asportazione di un neo al lifting del viso, deve seguire delle regole precise…pena l’insorgenza di qualche piccolo o grande problema.